Enzo Olivelli nasce nel 1946 più precisamente il 7 Luglio , a Vallerona (Gr) sin da giovanissimo manifesta la passione per la musica, all'età di undici anni intraprende i primi studi musicali con il clarinetto, suonando nella banda di paese e più tardi anche nella banda dell'esercito durante il servizio militare. Sono gli anni '60 anni in cui la musica è caratterizzata dalla nascita di numerosi gruppi "beat", Enzo conosce in questi anni lo strumento simbolo di quell'epoca: la chitarra. Ma la sua vera passione è il canto: dotato di una voce del tutto particolare caratterizzata da un timbro pieno e una potente estensione,viene soprannominato in quegli anni "il Celentano della Maremma" per il repertorio e lo stile adottato. Fonda alcuni gruppi musicali apprezzati nelle loro zone, sono "I Radar" , "Gli Avvoltoi","Enzo e i Nuovi" e infine "la Formula X" (primo gruppo che suona musica da ballo) dove Enzo si esibisce come cantante-batterista (sarà cosi sino al 1999!). Nei  '70 avviene il boom della musica da ballo e soprattutto del liscio (genere nato in Romagna e ben presto diffuso in tutta Italia). Nel 1975 Enzo fonda l'orchestra "I Ragazzi del liscio" più tardi rinominati "I Ragazzi del liscio di Grosseto" , orchestra che di li a breve sarebbe diventata la più famosa e quotata della provincia e successivamente una delle migliori della Toscana. Il gruppo si fa strada con una musica frizzante caratterizzata dai propri brani scritti, interpretati  e incisi in 4 musicassette prodotte alla casa discografica romagnola "Real Sound" di Riccione (Fo). "Primavera a S.Fiora" e "Ritornerà l'estate" vengono vendute a centinaia sino a qualche migliaio di copie. L'orchestra intraprende una mole incredibile di serate, arrivando anche in alta Toscana ,Lazio, Umbria, Liguria e in Romagna nei locali più famosi. Nel 1976 viene inciso il disco BIANCOROSSO inno ufficiale dell'U.S. Grosseto adottato anche come inno cittadino più tardi; il disco distribuito in vinile vende più di 1000 copie (cifra che rapportata ad una scala locale risulta notevole). Nel 1982 Enzo lascia l'orchestra che di li a poco si scioglierà. Soprannominato dalla gente "la voce della Maremma" per i suoi successi folkloristici passati, intraprende una nuova avventura con l'orchestra Cavezzini molto amata e suguita,  imponendosi come cantante solista  e batterista fino al 1996. Nei due anni successivi fa parte di una "riedizione" dei "i Ragazzi del Liscio" questa volta sotto forma di trio e di quartetto.

dal 1999... bè... la storia la conoscete!

Hobby: viaggiare ,calcio, degustare i buoni prodotti...

 Artisti preferiti: Celentano , Raoul e Mirko Casadei , Morandi

 Brano preferito eseguito: L'emozione non ha voce (Celentano), In ginocchio da te (Morandi).

 Live orchestra: radiomicrofono Shure SM 58  e Shure beta 58 , percussioni Afro e Ufip.

Shure Microphones Ufip Cymbals

Enzo Olivelli fondatore e leader dell'orchestra

 

Sito web ottimizzato in risoluzione 1024x768 - ©Olivelli P.I. e C.F. 01316180536